NEWS

MANIFESTAZIONE CONTRO LE MAFIE

 

mini IMG 20170321 WA0012

   

MANIFESTAZIONE 21 MARZO 2017

Martedì 21 marzo 2017 si è svolta una manifestazione a Casarano per ricordare tutte le persone, vittime di mafia, che sono morte a causa di questo fenomeno malavitoso.
La manifestazione è stata organizzata da “LIBERA-ASSOCIAZIONI, NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE” che hanno diretto l’intero evento.
A partecipare sono stati tutti gli alunni frequentanti gli istituti primari e secondari di Casarano e di Taurisano che, dopo un lungo corteo, si sono riuniti nella piazzetta intitolata a Renata Fonte, una delle tante vittime di mafia salentine. Alla manifestazione ha preso parte anche Don Antonio Coluccia, un sacerdote-operaio, grande esempio da seguire soprattutto nella sua continua lotta contro la criminalità organizzata.
Arrivati in piazza alcuni alunni hanno letto i nomi delle varie vittime di mafie sotto la melodia della canzone “La vita è bella” del musicista Nicola Piovani. Un momento veramente commovente che ha fatto pensare a quante persone innocenti e coraggiose siano state uccise solo per aver espresso il loro pensiero. In seguito c’è stata la recitazione di alcune bellissime poesie e canti che hanno intrattenuto i ragazzi e i docenti delle varie scuole.
Hanno preso la parola anche il Dottore Francesco Capezza e la Dottoressa Libera Micaela Francioso che hanno tenuto un discorso per intrattenere e far riflettere tutti i partecipanti alla manifestazione.
Infine si è lasciato spazio a Don Antonio Coluccia che con il suo intervento coraggioso e le sue forti parole contro la mafia ha lanciato a tutti un messaggio di speranza e giustizia anche contro la violenza sulle donne e sui comportamenti non corretti che hanno molte persone sull’ambiente.
“Se uno ha paura muore ogni giorno, mentre uno che non ha paura muore una volta sola, noi da quale parte stiamo?” Cosi questo grande sacerdote ha concluso il suo discorso con una citazione di Paolo Borsellino, anche lui un grande eroe e vittima di mafia.
Dobbiamo ricordare quindi, di non essere mai omertosi e di non avere paura davanti a un crimine così grande.

Giulia Ciullo e Giuseppe Urso
3^B

 

Programmata e organizzata ormai da tempo, il 21 di marzo si e' svolta a
Casarano la manifestazione contro le mafie. A partecipare molte scuole fra
cui la nostra che da ormai tre anni, con l'aiuto della professoressa
Palumbo, porta avanti il progetto legalita'. in questi tre anni di
percorso si sono susseguiti vari incontri con persone importanti: dal
dottore Capezza, referente dell'Associazione Libera del presidio di
Casarano, all'architetto dottor Brizio Montinaro, fratello del caposcorta
del giudice Falcone Antonio Montinaro, alla professoressa Sabrina
Matrangola figlia di Renata Fonte, si e' anche gia' programmato un
incontro con don Antonio Coluccia che deve andare in giro scortato proprio
per la sua forza di volonta' a combattere contro la mafia, ma un cosi
importante appuntamento non lo avremmo mai pensato. La manifestazione ci
ha coinvolti tutti, ci ha reso cittadini attivi del nostro Salento, ci ha
fatto vedere realmente l'impegno delle istituzioni e capire quanto
importante sia non chiudere gli occhi davanti alle ingiustizie, tutte le
ingiustizie piccole e grandi che si perpetrano a danno di altri esseri
umani che hanno rifiutato con tutte le loro forze la micro e la macro
criminalita' organizzata, a costo della loro stessa vita. Emozionante è
stato il momento in cui una nostra compagna ha potuto leggere cinque dei
tanti nomi delle persone vittime di mafia e quanduna ragazza del superiore
ha cantato in inglese "La vita è bella" mentre alcuni suoi compagni
l'accompagnavano con violini e tastiera. Insomma, siamo felici che il
nostro istituto abbia deciso di mettersi in prima linea e che la
professoressa Palumbo ci abbia spinto a fare nostro il concetto di
legalita'. ora capiamo davvero il significato delle sue parole: "mi
raccomando ragazzi camminate sempre a testa alta".

classi 3A e 3 B

ozio_gallery_nano